Vai alla barra degli strumenti

Global Start Up Program II° Edizione è un percorso integrato di sviluppo all’estero organizzato da ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, su indicazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

SCADENZA

15 luglio 2020

A CHI È RIVOLTO

Tale percorso è riservato ad un massimo di 150 startup innovative italiane con sede nel territorio nazionale, impegnate nello sviluppo d’innovazioni di prodotti o di servizi, con potenziale di crescita all’estero e che intendano rafforzare le proprie capacità tecniche, organizzative e finanziarie per affrontare nuovi mercati. Potranno partecipare startup di stage:

  1. che presentano un fatturato positivo fino a 100.000 (centomila) euro certificato nell’ultimo bilancio disponibile;
  2. il cui fatturato certificato da bilancio disponibile è superiore a 100.000 (centomila) euro.

Sono  ammesse le startup innovative in possesso dei seguenti requisiti di carattere generale alla data di scadenza del Bando:

  • iscrizione in qualità di startup innovativa nell’apposita sezione speciale del Registro delle Imprese c/o la CCIAA di appartenenza con i requisiti obbligatori previsti dalla normativa vigente, sulla base del D.L. 18 ottobre 2012, 179, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221;
  • periodo di attività inferiore a 5 anni al momento della scadenza del bando;
  • presenza di una sede legale ed operativa in Italia;
  • disporre di un sito internet in lingua inglese;
  • fatturato positivo accertato dall’ultimo bilancio approvato;
  • titolarità di un brevetto depositato e registrato in Italia, ovvero di domanda di deposito o di un software protetto da copyright (da indicare obbligatoriamente nella domanda tipologia, numero brevetto ovvero data di deposito);
  • posizione regolare rispetto alle norme vigenti in materia fiscale, assistenziale e previdenziale;
  • non si trovino in condizione di morosità nei confronti dell’Agenzia ICE;
  • non siano in stato di fallimento, di liquidazione, di amministrazione controllata;
  • conoscenza lingua inglese, livello C1 del partecipante al programma (autocertificazione).

Il rappresentante della startup che parteciperà al programma dovrà autocertificare la conoscenza della lingua inglese – livello C1 – che potrà essere sottoposta a verifica da parte di Agenzia ICE. La mancanza di uno dei requisiti generali di cui ai punti precedenti porterà all’esclusione della domanda. L’Agenzia ICE potrà effettuare una verifica a campione sull’effettivo possesso dei predetti requisiti di ammissibilità.

COSA FINANZIA

Il progetto intende offrire ai partecipanti la possibilità di usufruire di un percorso di accelerazione all’estero attraverso il coinvolgimento di acceleratori internazionali, selezionati dall’Agenzia ICE, che ospiteranno le startup selezionate per un periodo della durata di circa 8 settimane, da svolgersi orientativamente nell’arco temporale compreso tra Agosto e Novembre 2020 in base agli accordi che verranno presi con i singoli incubatori acceleratori e le specificità del Paese di destinazione. I Paesi di destinazione sono: Argentina, Cina, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, India, Israele, Regno Unito, Stati Uniti d’America.

È prevista una fase di avviamento, dedicata alle  opportune  informazioni logistico- organizzative, al focus paese ed alla presentazione degli acceleratori partners. L’avviamento al progetto si svolgerà in lingua inglese e sarà curata dall’Ufficio Servizi Formativi presso le Sedi ICE di Roma e Milano, con possibilità di partecipare via webinar, mentre quella relativa al percorso di accelerazione estera verrà gestita dall’Ufficio Tecnologia Industriale, Energia ed Ambiente, in raccordo con la rete degli uffici esteri coinvolti. L’assegnazione dell’incubatore-acceleratore host sarà comunicato alla startup via PEC e l’azienda dovrà a sua volta comunicare, sempre via PEC, entro 5 giorni di calendario, accettazione o eventuale rinuncia.

Per la fase estera, oltre a coprire il costo d’incubazione-accelerazione presso la struttura designata, sarà erogato dall’Agenzia ICE un sostegno finanziario mediante intervento diretto dall’Agenzia ICE ai costi di trasferimento e permanenza all’estero che coprirà: il costo del biglietto aereo A/R in classe economica, il costo di trasferimento e l’alloggio (residence o affitto appartamento) per il periodo (8 settimane).

La domanda di partecipazione alla selezione deve essere presentata utilizzando esclusivamente il presente link  https://bit.ly/35P8tha e seguendo le indicazioni ivi specificate. Nel formulario online dovranno essere riportate anche informazioni anagrafiche dell’azienda candidata e del partecipante. Andrà inoltre indicato fino ad un massimo di tre preferenze geografiche e se si intende partecipare alla fase di avviamento ed in quale modalità (presenza o webinar) e sede tra Roma o Milano. Una volta ultimata la compilazione del formulario online, i candidati riceveranno una email automatica di conferma con un riepilogo della domanda di iscrizione (documento in formato PDF).

Al fine di completare e perfezionare la candidatura, le aziende dovranno obbligatoriamente inviare la domanda di partecipazione in pdf via PEC – all’indirizzo formazione@cert.ice.it indicando a chiare lettere nell’oggetto “Domanda di Partecipazione – Global Start Up Program II° EDIZIONE” e per conoscenza a formazione.startup@ice.it.

Alla domanda di partecipazione, perfezionata con la sottoscrizione digitale o con firma autografa del Legale Rappresentante della startup ai sensi della Legge 15 maggio 1997, n. 127 (recante disposizioni in materia di autocertificazione), andranno allegati i seguenti documenti:

· dichiarazione sottoscritta relativa ai requisiti di ammissibilità;

· impegno della startup a registrare in Italia le proprietà intellettuali risultanti nei 12 mesi successivi al termine del progetto ed a mantenere la sede principale delle proprie attività in Italia nei 36 mesi successivi al termine del progetto.

· copia dell’atto di notorietà sottoscritto;

· progetto di internazionalizzazione (max 1000 parole) che la startup intende realizzare. Il documento dovrà includere: breve descrizione della startup e del prodotto o servizio; settore di appartenenza, value proposition, competitive advantage, canali distributivi, strategia di internazionalizzazione, obiettivi della fase all’estero (sviluppo prodotto, test del mercato, ricerca di finanziamenti, partner commerciali, clienti etc.). Nel documento dovrà inoltre essere motivata la preferenza indicata circa il Paese di destinazione, la quale, in ogni caso, si ribadisce non essere vincolante per Agenzia ICE ai fini dell’assegnazione dell’incubatoreacceleratore host;

· copia del documento di identità, in corso di validità, del Legale Rappresentante dell’azienda candidata (secondo quanto disposto dal DPR 445 2000).

L’Agenzia ICE potrà verificare l’effettivo possesso dei requisiti in qualsiasi momento, anche successivo all’eventuale ammissione. Non saranno tenute in considerazione, e comporteranno quindi l’esclusione dalla selezione, le domande spedite dopo i termini previsti o con modalità diverse da quelle indicate nel presente avviso, o quelle mancanti di uno o più elementi richiesti o dalle quali risulti il mancato possesso di uno o più requisiti richiesti dal Bando.

La partecipazione delle startup al percorso di accelerazione è soggetta ad un processo di selezione basato sulla valutazione delle Commissione e sul gradimento espresso da parte dell’incubatore host estero. Ulteriori elementi di valutazione sono:

  • essere in possesso di altre proprietà intellettuali diverse dal brevetto purché espressamente citate nella domanda e purché sia indicato il titolo aggiuntivo;
  • essere già in possesso di seed capital.

Le attività delle startup candidate dovranno essere incluse nei seguenti settori:

  • ICT ad esempio intelligenza artificiale, cyber security, fintech, blockchain, big data, ecommerce, realtà aumentata e virtuale, videogame, oltre a servizi, infrastrutture e componenti di telecomunicazione;
  • Robotica e Industria 4.0;
  • Aerospazio;  
  • Automotive con particolare riferimento a future mobility (veicoli elettrici e connessi e relativi servizi);
  • Life Sciences ad esempio attrezzature e applicazioni medicali e biotech;
  • Smart agriculture e foodtech;
  • Circular Economy ad esempio low carbon technologies, materiali sostenibili, energie rinnovabili;
  • Smart cities e domotica:  ad esempio critical infrastructure, arredi urbani, IoT, servizi al cittadino, digital design.

Sarà nominata dal Consiglio di Amministrazione di ICE -Agenzia una Commissione di valutazione che verificherà l’esistenza dei requisiti obbligatori di ammissibilità, analizzando ciascun dossier, dotandosi di apposito regolamento interno che sarà elaborato nel corso della prima riunione e reso noto mediante pubblicazione sul sito dell’Agenzia ICE, unitamente al documento di nomina della Commissione. La Commissione potrà essere supportata nel suo lavoro da ulteriori esperti nominati dal Direttore Generale. Gli esperti valuteranno, d’intesa con la Commissione, la validità dei progetti.

L’elenco delle startup ammesse verrà pubblicato sul sito dell’Agenzia ICE. Le startup ammesse riceveranno comunicazione individuale con copia del regolamento di partecipazione al percorso, da sottoscrivere per accettazione. Le startup selezionate s’impegnano a frequentare l’intera fase di accelerazione all’estero prevista dal Programma, per la quale andrà sottoscritto un regolamento di partecipazione.

Per la fase di incubazione-accelerazione all’estero andrà sottoscritto apposito regolamento di partecipazione redatto dall’Ufficio Tecnologia Industriale, Energia e Ambiente, che potrà tenere in conto anche il codice di condotta e regolamento previsti dagli acceleratori host. L’Agenzia ICE si riserva il diritto di escludere in qualsiasi momento le aziende che non si atterranno al suddetto regolamento. Per il periodo di permanenza all’estero,  al fine di individuare il placement più efficace. l’azienda sarà abbinata ad un incubatore-acceleratore estero sulla base dell’interesse indicato dagli incubatori-acceleratori. Potranno essere prese in considerazione anche le preferenze geografiche espresse dalle startup.

Le startup partecipanti dovranno inviare ad Agenzia ICE, relazioni periodiche ed una relazione complessiva finale sul lavoro svolto durante il periodo di incubazione/accelerazione all’estero. Alla fine della fase di accelerazione estera sarà rilasciato alle aziende un attestato di partecipazione.

LEGGI IL BANDO  
Clicca qui per leggere il bando completo

CONTATTI:

Ufficio Servizi Formativi: formazione.startup@ice.it

Ufficio Tecnologia Industriale, Energia e Ambiente: global.startup@ice.it

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il progetto è stato realizzato con il cofinanziamento dell'Unione Europea                               I partner di progetto sono  

CONTATTACI

Inviaci una email e ti risponderemo presto ;)

Sending

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account